Corsi di inglese - Scuola di Inglese- 02 67 165 80 91 - claudiaadamo@hotmail.com

CLIL

Progetti CLIL nella scuola primaria e secondaria

CLIL a scuolaLa metodologia CLIL, elaborata nel 1994 sulla scorta delle esperienze nelle scuole nelle regioni bilingui del Quebec e della Catalogna, si impone in questi anni all'attenzione di tutti.

L'esperienza del CLIL è documentata in moltissime scuole Europee.

Il Consiglio d'Europa raccomanda caldamente l'introduzione del bilinguismo (con l'inglese) e pluringuismo a scuola, visto come strumento di integrazione e mobilità per i futuri Europei.

Le tecniche di elezione per la didattica plurilingue sono il trans-languaging (ovvero l'utilizzo di più lingue nella stessa lezione, una per l'acquisizione passiva e l'altra per la discussione e l'espressione orale e scritta) e il CLIL, ovvero una metodica tesa all'insegnamento di discipline non linguistiche nella lingua straniera.

I vantaggi linguistici del CLIL sono quelli tipici delle tecniche dette di "Immersione" linguistica: sono particolarmente efficaci per l'acquisizione del linguaggio, soprattutto se portate avanti con modalità prese a prestito dall'insegnamento comunicativo, ovvero attività di gioco educativo, "classe capovolta ("flipped classroom") con dibattiti e progetti, con ausilio di materiali adatti ad una didattica multisensoriale e multimediale (laboratorio linguistico, LIM).

Al di là dell'ovvio miglioramento nell'area linguistica, CLIL è particolarmente interessante per le positive ricadute nell'ambito della didattica nella sua globalità:

  • il CLIL promuove una didattica interdisciplinare e stimolante, che permette agli studenti di attivare le capacità di ragionamento, connessione e pensiero critico;
  • il CLIL promuove una didattica multisensoriale e multimediale, attenta alle esigenze degli studenti più penalizzati dalla classica lezione frontale
  • il CLIL promuove una collaborazione fattiva tra docenti di discipline diverse

Per tutti questi elementi, nelle scuole nelle quali il CLIL è stato implementato si registrano impressioni assai favorevoli tra gli studenti e le loro famiglie.

L'adozione, anche nell'ambito di brevi progetti, di questa metodica ha dimostrato impatto positivo sull'autostima e motivazione dei discenti, e senso di efficacia dei docenti. Le scuole che hanno portato avanti con consapevolezza, questi progetti normalmente vedono incrementare i propri iscritti, nonché le possibilità di scambi e collaborazioni con altre scuole ed esperti esterni, e ricevono riconoscimenti.

CLIL in Italia

Già dall'a.s. 2012/2013, i Licei Linguistici aveano attivato ipercorsi CLIL obbligatori: e ora sulla scorta della positiva esperienza, si prevede di applicare in tutte le scuole superiori , incluso gli istituti professionali, questa modalità operativa finalizzata all'implementazione del plurilinguismo nelle scuole.

La recente riforma Gelmini prescrive l'obbligo del CLIL (ovvero l'insegnamento in lingua di una disciplina, come ad esempio storia, geografia, storia dell'arte..) nei licei e, per l'ultimo anno, negli istituti tecnici a partire dall'a.s. 2014/2015.

Inoltre, le esperienze di BEI (Bilingual Education Italy), progetto assai interessante varato 5 anni or sono nella scuola primaria, porta avanti proprio l'insegnamento in inglese, con metodologia CLIL,  di almeno due materie durante tutto il ciclo di studi elementare. A partire da settembre 2015, prenderà avvio anche il progetto BEI presso le scuole medie, come continuazione del progetto alle primarie.

Metodologia CLIL

A fronte di questo interessante fermento, i punti critici restano la scarsa disponibilità di docenti con un livello linguistico adeguato e formati per proporre i contenuti nelle modalità didattiche alternative richieste dal CLIL (disegnate sulla scorta dell'approccio anglosassone, che alla lezione frontale preferisce una didattica "per progetti" e un modo di fare scuola che privilegia il coinvolgimento attivo dei discenti tramite ricerche, lavoro di squadra, dibattiti).

Nel corso di questo anno scolastico, sono stati attivati percorsi universitari per i docenti di DNL che desiderano diventare docenti CLIL (è necessario un grado certificato di conoscenza dell'inglese, che va dal B1.3  al C1 a seconda degli indirizzi), ma non è stata raggiunta la copertura desiderata. In effetti molti istituti non hanno a disposizione docenti formati e con un livello linguistico adeguato per partire con progetti di CLIL compiuti.

Progetto CLILTra i nostri insegnanti madrelingua inglese , ci sono docenti con una formazione specifica per il CLIL, ed una esperienza già rodata in questo senso sia nella scuola primaria, che secondaria.

Offriamo quindi alle scuole primarie e secondarie di Milano e provincia la possibilità di creare progetti CLIL ad hoc, coadiuvando i docenti sia in fase di progettazione che di realizzazione dei materiali, che di affiancamento in aula.

In questo modo, sentiamo di potere offfrire un grande valore aggiunto alle scuole che desiderano conoscerci e lavorare con noi, implementando progetti CLIL con personale esperto e formato.

Vantaggi dell'afiancamento di un esperto di madrelingua nell'implementazione di un progetto CLIL

Noi riteniamo che implementare un progetto CLIL con l'ausilio di un conversatore di madrelingua sia estremamente positivo per questi motivi:

  • L'insegnante madrelingua inglese  può dare un apporto fattivo nella costruzione di materiale didattico corretto ed efficace in lingua inglese (sia da usare in classe che di rinforzo) : avvalersi della collaborazione di una scuola specializzata in questo significa risparmiare moltissimo lavoro dedicato alla creazione di materiali, poichè alle scuole che collaborano con noi possiamo offrire materiali di qualità, multimediali e multisensoriali (supporti visivi/uditivi) in linea con le linee guida dell'USR Lombardia.
  • Il madrelingua, di cultura anglosassone, conosce di prima mano le modalità comunicative e didattiche suggerite dal CLIL in quanto si basano sull'approccio tradizionale delle scuole anglosassoni: il suo contributo a questo tipo di didattica sarà pertanto spontaneo e positivo;
  •  Lavorare con un madrelingua permette ai ragazzi di sperimentare nel modo migliore l'immersione in lingua, assorbendo la pronuncia corretta e avendo una situazione realistica in cui esprimersi in lingua straniera.

E' infine nella nostra consuetudine aziendale collaborare con la massima disponibilità con i docenti di classe, dando la disponibilità per incontri di programmazione e valutazione con il collegio docenti.

Se desideri portare il CLIL nella tua scuola, avvalendoti della collaborazione dei nostri insegnanti,  e visionare i nostri repository di presentazioni, worksheets, attività didattiche interattive e materiali audio-video creati ad hoc per l'insegnamento delle discipline non linguistiche in lingua inglese, non esitare a contattarci!

Altri corsi
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti per monitorare la frequentazione del sito web e migliorare l'esperienza dell'utente sul sito.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Il proseguimento della navigazione implica un consenso all'utilizzo dei cookie. > leggi Cookie Policy.